chicago86

ARCHIVIO STORICO

Lotta di classe e 'offensive padronali'

Gli errori nella pratica della lotta proletaria o le rovinose deviazioni di essa, che hanno caratterizzato storicamente il tempo della Prima Guerra Mondiale, e nella Seconda il tempo della guerra e del dopoguerra...

Occupy the World together

"Ci hanno buttato fuori dalle nostre case. Ci hanno costretti a scegliere tra mangiare o pagare l'affitto. Ci è negata l'assistenza medica. Soffriamo per l'inquinamento. Quando un lavoro l'abbiamo, facciamo orari impossibili per paghe basse..."

"Articoli 18" e battaglie tra fazioni borghesi

Il lavoro salariato è stato nel tempo ingabbiato da vincoli contrattuali e legali. Ma il rapporto fra salariato e capitalista mal sopporta di sottostare a regole fisse. La forza-lavoro è una merce: in un mercato mutevole...

Lo sciopero della canadiense

"Le notizie della situazione a Barcellona sono molto allarmanti. Lo sciopero della Canadiense è stato esteso alle altre compagnie di elettricità e delle acque. La città intera è immersa tutta la notte nell'oscurità."

I sedici giorni più belli

Questo sciopero mi ha fatto pensare a tutta la merda retorica su casa e famiglia. Siamo fuori a fare due o tre lavori. Cinque o sei lavori in due, capisci? E in nero. E i ragazzi a casa vengono su da soli...

Manifesto contro il lavoro

Un cadavere domina la società: il cadavere del lavoro. Tutte le potenze del pianeta si sono alleate per difendere questo dominio: il Papa e la Banca mondiale, Tony Blair e Joerg Haider, D’Alema e Berlusconi, sindacati e imprenditori, ecologisti...

Salario, prezzo, profitto

Invece della parola d'ordine conservatrice: "Un equo salario per un'equa giornata di lavoro", gli operai devono scrivere sulla loro bandiera il motto rivoluzionario: "Soppressione del sistema del lavoro salariato".

Comitato Unitario di base della Pirelli

Il testo che qui presentiamo è una delle fatiche politiche del Comitato Unitario di Base della Pirelli di Milano. Se viene tardi, è perché altre cose dovevano esser fatte prima. Ma anche questa andava fatta, perché ci sembra...

L'operaismo italiano e il suo Sessantotto lungo vent'anni

La bestia è l'azienda, non il fatto che abbia un padrone. L'immediatista ha sempre bisogno di disegnare il nuovo su una passiva fotografia del vecchio. Gramsci chiamò il suo immediatismo "concretismo", e non avvertì che ogni...

http://www.chicago86.org/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/277111Tesserapcd21.jpg http://www.chicago86.org/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/710080port_blockade.png http://www.chicago86.org/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/588103art_18.jpg http://www.chicago86.org/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/226543La_Canadiense.jpg http://www.chicago86.org/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/58273097upsstrike.jpg http://www.chicago86.org/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/301384lavoro_di_merda.jpg http://www.chicago86.org/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/960235spp.jpg http://www.chicago86.org/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/618206cub_pirelli.jpg http://www.chicago86.org/components/com_gk2_photoslide/images/thumbm/404950operaismo.jpg

LOTTE IN CORSO

Lo sciopero più grande nella storia della Slovacchia ferma la VolksWagen

Sciopero Volkswager BratislaviaBratislava. I sindacati chiedono sostanziosi aumenti salariali. Braccia incrociate da martedì 20 giugno per quasi 12mila operai

Il più grande nella storia della Slovacchia e uno dei più grandi nel settore privato nella regione. Così viene definito lo sciopero che da martedì 20 giugno sta paralizzando lo stabilimento VolksWagen a Bratislava.

A incrociare le braccia è stata la maggioranza dei dodici mila operai impiegati nella fabbrica a Bratislava, che a ritmo pieno sforna più di mille macchine al giorno. A essere bloccate sono le linee di produzione dei veicoli di gamma medio-alta VolksWagen Touareq e Audi Q7. "I danni alla produzione sono rilevanti" ha ammesso il presidente del CdA di VolksWagen Slovakia Ralph Sacht.

e-max.it: your social media marketing partner

#DeliverooExplota: anche i rider spagnoli si (auto)organizzano

Deliveroo è nata a Londra nel 2013 e due anni dopo è sbarcata in Spagna: a Barcellona, Valencia, Madrid e Saragozza. Nel paese sono un migliaio i rider che lavorano per la "food delivery company", di cui 130 solo nel capoluogo della Catalogna.

Ieri una cinquantina di ciclisti e motociclisti di Deliveroo, organizzati nella piattaforma "Riders X Derechos" (che comprende anche lavoratori di altre aziende della "gig-economy"), hanno protestato contro la precarietà del lavoro davanti alla sede della società a Barcellona, attaccando adesivi sui vetri degli uffici, sventolando bandiere e pubblicizzando le ragioni della lotta a giornalisti, passanti e solidali.

e-max.it: your social media marketing partner

Sciopero nazionale della logistica e dei trasporti

Quando migliaia di proletari avvertono un deciso peggioramento delle condizioni di vita e di lavoro ed incrociano le braccia rispolverando la pratica dello sciopero come arma di una classe contro un'altra classe, significa che una certa soglia è stata superata.

Grande partecipazione il 16 giugno scorso allo sciopero nazionale della logistica promosso da CUB/SGB e a cui si sono accodati SI Cobas, ADL Cobas, Slai Cobas e USI. La mobilitazione ha messo insieme per la prima volta i lavoratori della logistica e del trasporto autoferrotranviario, marittimo, aereo e aeroportuale. Numerosi i picchetti nei magazzini e diverse le città bloccate.

e-max.it: your social media marketing partner

Vietato scioperare, operai egiziani in manette

La polizia attacca il presidio dei lavoratori, in mobilitazione da anni, del cementificio Torah del gruppo tedesco HeidelbergCement. Il regime di al-Sisi detiene centinaia di lavoratori, favorendo le grandi imprese.

di Pino Dragoni, il Manifesto

Roma, 1 giugno 2017, Nena News – Sono trentadue i lavoratori arrestati e rinviati a giudizio per un sit-in pacifico a Torah, in un cementificio a sud del Cairo. Chiedevano la stabilizzazione e il pagamento degli stipendi arretrati per settantacinque addetti alla sicurezza.

Decine di agenti di polizia hanno attaccato il presidio davanti alla fabbrica alle due del mattino di lunedì 22 maggio, arrestando ventidue persone sul momento e poi altre dieci in serata. Le accuse sono aggressione a pubblico ufficiale, resistenza all'arresto e intralcio alla giustizia.

e-max.it: your social media marketing partner

23 maggio: March on McDonald's

Anche quest'anno centinaia e centinaia di lavoratori dei fast food e solidali hanno assediato la sede di McDonald's, a Chicago, in occasione della riunione annuale degli azionisti il 24 maggio. Già dal giorno prima un grosso corteo, sotto la pioggia, ha occupato le strade del centro della città protestando contro i bassi salari e le molestie sessuali subite sul luogo di lavoro dalle lavoratrici.

Alle due giornate di mobilitazione hanno partecipato anche i dipendenti di Dunkin' Donuts e Wendy che, insieme ai precari dell'assistenza sanitaria domiciliare e degli aeroporti, hanno marciato davanti alla sede del gigante del panino. Alcuni lavoratori sono stati arrestati per aver bloccato la circolazione con un sit-in.

e-max.it: your social media marketing partner

Brasile in fiamme

Dopo lo sciopero generale di fine aprile contro le misure di austerità volute dal governo, il Brasile continua a farsi sentire, questa volta con il corteo #OcupaBrasilia del 24 maggio. Organizzate da sindacati e dai movimenti dei Sem Terra e dei Trabalhadores Sem-Teto, circa 200mila persone hanno marciato nella capitale Brasilia contro il presidente Temer sotto inchiesta per corruzione, ma anche e soprattutto contro le riforme di pensioni e lavoro che peggiorano drasticamente le condizioni di vita e di lavoro di milioni di proletari. La manifestazione ha visto assalti ai ministeri da parte di folle inferocite e decine di feriti negli scontri con la polizia, che ha fatto largo uso di granate stordenti, gas lacrimogeni e anche di armi da fuoco.

e-max.it: your social media marketing partner

Feedback

Sullo sciopero dei trasporti del 16 e sulla possibile evoluzione della lotta

Lo sciopero dei trasporti del 16 giugno, indetto a livello nazionale da CUB-TRASPORTI e da SGB, si è presto allargato ad altri sindacati coinvolgendo Alitalia, le ferrovie, il trasporto pubblico locale e la logistica. Inizialmente aveva come obiettivi: "NO alle privatizzazioni dei Trasporti. NO allo smantellamento del Welfare Pubblico. NO allo smembramento della Sanità Pubblica."

Il SUL ha indetto per il 16 uno sciopero di 4 ore a cui si aggiungono altri sindacati autonomi e l'USB (solo per TPL del Lazio). Nel frattempo bolle in pentola un'altra questione: la commissione Bilancio della Camera ha approvato un emendamento di Stefania Covello del PD che cancella il Regio Decreto 148/31 di epoca fascista,...

Read more
You are here: Home

News archivio storico

News lotte in corso

News dal ventre della balena

News feedback