chicago86

LOTTE IN CORSO

Questa sezione nasce per pubblicizzare al massimo le lotte operaie in corso. Lotte vere e significative non lamentele o semplici proteste, per queste ci sono già parecchi siti. Tutti possono partecipare allo sviluppo di questa sezione, avvisiamo però che il criterio di pubblicazione sarà selettivo e fedele al nostro "chi siamo e cosa vogliamo".

ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI

  • Lunedì 12 Febbraio 2018
    Emilia-Romagna

    Mobilitazione dei rider contro il cottimo e le intimidazioni padronali.

    Ieri sera a Bologna una ventina di rider della piattaforma di food delivery Glovo hanno bloccato per due ore il servizio di consegna. Lo sciopero è stato deciso dai lavoratori in seguito all'introduzione del nuovo minimo orario, passato da 6 a 4€ all'ora, e di numerosi atteggiamenti intimidatori messi in atto dall'azienda.

    "Abbiamo attraversato le vie della città di Bologna – scrivono i ciclofattorini - non per consegnare gli ordini come tutte le sere ma insieme, per scandire le nostre rivendicazioni. Facendo tappa nei McDonald's e nelle principali attività servite da Glovo e concludendo con uno speaker corner in Piazza Maggiore abbiamo raccontato la nostra condizione di lavoro e ricevuto tantissimi attestati di solidarietà da clienti e passanti. Rifiutiamo il regime vessatorio e lo sfruttamento che si nasconde sotto questo finto contratto autonomo che ci viene imposto e vogliamo il superamento della paga a cottimo a favore del riconoscimento di una giusta paga oraria, un'assicurazione su infortuni e malattia a carico dell'azienda e la fine degli atteggiamenti discriminatori."

    e-max.it: your social media marketing partner
  • Lunedì 29 Gennaio 2018
    Germania

    Jörg Hofmann, a capo del più grande sindacato dei lavoratori industriali tedeschi (2,3 milioni di iscritti), ha dichiarato che, in seguito alla rottura dei negoziati con i datori di lavoro, nei prossimi giorni i lavoratori bloccheranno centinaia di aziende.

    Il fermo della produzione dovrà passare attraverso la consultazione dei dipendenti, quindi IG Metall organizzerà, per la metà di questa settimana, scioperi di 24 ore in tutto il paese. La mobilitazione, ha dichiarato Hofmann domenica scorsa al quotidiano Bild, colpirà fabbriche grandi e piccole dato che "i datori di lavoro non comprendono una lingua diversa dalla pressione".

    e-max.it: your social media marketing partner
  • Domenica 28 Gennaio 2018
    Internazionale
    Hong Kong

    La sera di lunedì 22 gennaio un centinaio di rider di Deliveroo HK, soprattutto indiani e pakistani, si sono riuniti di fronte agli uffici della compagnia in Jervois Street bloccando il servizio di consegna cibo a domicilio.

    A far scattare lo sciopero sono stati i recenti cambiamenti nella gestione del tempo di lavoro dei fattorini da parte dell'azienda, che fino a poco prima garantiva ai rider 11 ore di lavoro al giorno pagate almeno 75 HK $ (circa 7,8 €), compresa un'ora di pausa pranzo. Ora Deliveroo ha deciso di bloccare l'applicazione per la distribuzione degli ordini durante le ore non di punta (quando l'attività è bassa), al fine di evitare di pagare ai lavoratori i minimi garantiti. Il nuovo sistema sarebbe inoltre in grado di selezionare i rider in base alle prestazioni (frequenza, velocità, rispetto degli standard imposti dalla piattaforma, ecc.), penalizzando i meno "efficienti". La disconnessione dalla piattaforma, imposta dall'azienda, causerebbe ai rider una perdita dalle 3 alle 5 ore di lavoro, circa 14 in una settimana. Ad un tasso di circa 100 HK $ / h (circa 10,5 €), in termini di reddito mensile la decurtazione del salario è stimata tra i 5.000 HK $ (521 €) e 6.000 HK $ (625 €).

    e-max.it: your social media marketing partner
  • Sabato 13 Gennaio 2018
    Internazionale

    Scoppiettante inizio d'anno per Deliveroo. Dopo un 2017 che si è concluso con un totale di 39 scioperi in 20 città e 7 paesi diversi, e con alcuni tentativi di coordinamento tra gli scioperanti a livello europeo (vedi Assemblea: mobilitarsi al tempo della "gig economy" a Torino), anche il 2018, per l'azienda leader del settore del food delivery, si apre a suon di proteste e mobilitazioni.

    e-max.it: your social media marketing partner
  • Mercoledì 10 Gennaio 2018
    Tunisia

    Terzo giorno di proteste e scontri in Tunisia nella notte tra il 9 e 10 gennaio, tra giovani manifestanti e forze di sicurezza in molte località del paese: Beja, Testour, Sfax, Meknassi, Sidi Bouzid, Ben Arous, Kebili, Nefza, dove è stata data alle fiamme una caserma della polizia ed espropriato un deposito comunale, e Citè Etthadamen, sobborgo popolare della capitale Tunisi.

    e-max.it: your social media marketing partner
  • Lunedì 08 Gennaio 2018
    Germania

    L'IG Metall (sindacato dei metalmeccanici tedeschi) ha presentato le richieste per il rinnovo dei contratti di lavoro che riguardano circa 3,9 milioni di lavoratori dei metalmeccanici e addetti all'industria elettrica: chiede un aumento delle retribuzioni del 6 per cento, ma anche una riduzione, su richiesta individuale, delle ore di lavoro settimanali fino a 28 ore settimanali per un periodo di 24 mesi.

    e-max.it: your social media marketing partner
  • Martedì 02 Gennaio 2018
    Iran

    Ormai da oltre 6 giorni manifestazioni e scontri scuotono l'Iran. Previsto per oggi, martedì 2 gennaio, lo sciopero generale.

    Il numero ufficiale delle vittime è già salito a 23, mentre gli arrestati, soprattutto giovani, sono quattrocentocinquanta. Fino ad ora, per il timore di un'ulteriore escalation della violenza, il regime iraniano ha evitato l'aperta repressione del movimento, nato, secondo alcuni analisti occidentali, nella città santa degli sciiti, Mashhad.

    e-max.it: your social media marketing partner
  • Martedì 19 Dicembre 2017
    Argentina

    Duri scontri ieri a Buenos Aires, in Argentina, tra la polizia e i manifestanti scesi in piazza per protestare contro la riforma pensionistica. Il disegno di legge proposto dal governo del presidente Mauricio Macri punta a tagliare le pensioni, modificandone l'aumento semestrale legato all'inflazione, al fine di ridurre il deficit fiscale. L'Osservatorio sul debito sociale dell'Università Cattolica di Buenos Aires ha diffuso nei giorni scorsi dati allarmanti: i poveri sono il 31,4% della popolazione e il 48,4% dei minori di 14 anni vive in famiglie povere. Praticamente un terzo della popolazione argentina si trova in condizione di povertà strutturale e l'ennesima misura di austerity non farà altro che peggiorarne la situazione.

    e-max.it: your social media marketing partner
  • Sabato 25 Novembre 2017
    Generale

    Alcune piccole e grandi iniziative di lotta hanno trasformato il Black Friday, la giornata dello shopping che dagli Stati Uniti ha contagiato l'Europa, in un Red Friday, un venerdì rosso. L'appuntamento più atteso - e più pubblicizzato dai giornali - è stato lo sciopero organizzato dai confederali nel magazzino Amazon di Castel San Giovanni a Piacenza, a cui hanno aderito, dichiara la Cgil nella consueta guerra delle cifre, circa il 60% dei lavoratori. Se fosse vero, sarebbe un ottimo risultato trattandosi della prima volta in Italia per il colosso dell'e-commerce. Resta il fatto che i lavoratori in somministrazione – quelli che temono di perdere il posto di lavoro e che vengono assunti dalle agenzie interinali, come Adecco e Manpower, per far fronte ai picchi di vendite – non hanno scioperato.

    e-max.it: your social media marketing partner

e-max.it: your social media marketing partner
You are here: Lotte in corso

News lotte in corso

News dal ventre della balena

News feedback