chicago86

Europa

Inghilterra, crisi sociale senza precedenti

londra_agosto_2011di Alessandro Dal Lago - Liberazione

Non sorprende che le sommosse scoppiate in quasi tutte le grandi città inglesi siano state accolte dal governo, dai tabloid e dai media main stream, almeno inizialmente, con i soliti luoghi comuni: a parte l'ovvio teppismo, la strumentalizzazione criminale, le gang giovanili, la solita gente venuta da fuori e così via. È il normale esorcismo davanti a quello che più o meno si poteva prevedere e che ha notissimi precedenti nelle metropoli occidentali, dai riots di Los Angeles del 1992 all'esplosione delle banlieues parigine nel 2005.
Un'occhiata ai video trasmessi dalla Bbc, dai siti del "Guardian", "Al Jazeera" ecc. chiarisce subito che la realtà è completamente diversa. La sommossa è capillare, largamente spontanea, anche se facilitata dalla disponibilità di tecnologie dell'informazione a basso costo, e soprattutto trasversale.

e-max.it: your social media marketing partner

Grecia, scontri ad Atene nel giorno dello sciopero. Ferito un leader sindacale

grecia_scioperoTensione davanti al Parlamento, dove si stanno votando le misure anti-crisi

Scontri, lanci di lacrimogeni e un leader sindacale ferito. Atene sta conoscendo un altro giorno caldo con la manifestazione di alcune migliaia tra lavoratori e sindacalisti davanti al Parlamento che e' sfociata nella violenza mentre in aula e' in corso il dibattito sulle misure decise dal governo contro la crisi finanziaria. Le tv hanno mostrato le immagini di Yiannis Panagopoulos, leader della Gsee, il piu' importante sindacato greco, soccorso dopo essere stato colpito da un pugno. L'episodio ha scatenato parte dei manifestanti che ha cominciato a lanciare oggetti contro la polizia. Gli agenti hanno risposto con i gas lacrimogeni. Lo sciopero e' iniziato con lo stop dei trasporti pubblici per 24 ore dalle 5 di questa mattina e sta paralizzando la capitale. La mobilitazione e' stata convocata per protestare contro le severe misure anti-crisi del Premier Papandreou: nuove tasse, riduzione dei salari e congelamento delle pensioni.

[tratto da http://it.peacereporter.net]

e-max.it: your social media marketing partner

Up yours!

londra26 Marzo 2011

Chi pensava che i sindacati fossero un relitto del passato, pensi di nuovo. Nella mattina di sabato 26 Marzo, di fronte al continuo tagli alla spesa sociale, la confederazione inglese dei sindacati (TUC) ha portato nelle strade di Londra più di 500.000 persone. Numeri che non si vedevano dalle manifestazioni contro la guerra del 2003. Come nel caso della FIOM in Italia, però, i sindacati non hanno agito da soli. Insieme alle famiglie dei lavoratori minacciati dalla lotta di classe condotta dal nuovo capitalismo, decine di migliaia di studenti, disoccupati e anziani hanno occupato le strade e le piazze della capitale inglese.

Occupato, letteralmente. Camminando per le strade del centro, oggi, la città della finanza e dello shopping sembrava essere diventata di colpo una nave da crociera dirottata dai pirati.

e-max.it: your social media marketing partner

Polonia: la lotta delle classi giorno per giorno alla Fiat (Tychy)

tichy2

Cadenze disumane, polizia politica, spettri: così i salariati parlano dei retroscena del loro lavoro nella fabbrica modello della Fiat a Tychy, in Slesia.

Il giorno della festa dell'Indipendenza, al Castello Reale di Varsavia, Zdzislaw Arlet, membro della direzione della Fiat Auto Poland e direttore della fabbrica di Tychy, riceveva dalle mani del vice primo ministro Waldemar Pawlak il titolo di "Miglior Dirigente". In quel momento, un gruppo di persone muniti di passamontagna gridavano "Tiranno! Dittatore! Vattene in Corea del Nord". Uno di loro teneva un cartello che diceva: "Il direttore è premiato, ma la fabbrica è un campo di concentramento".

e-max.it: your social media marketing partner

Decine di migliaia a Bruxelles contro l'austerity

manifestazione in BelgioMigliaia di lavoratori protestano contro l'austerity sociale - Tra i 20 e i 25 mila lavoratori europei sono scesi in strada oggi a Bruxelles per chiedere con forza ai capi di Stato e di governo dell'Ue - che tra poche ore si riuniranno nella capitale europea - di varare una risposta globale alla crisi economica che tenga conto delle grosse difficoltà in cui si trova il mondo del lavoro. Le forze dell'ordine, schierate a difesa delle istituzioni, sono dovute già intervenire con autopompe contro i manifestanti che al grido "Chi paga la crisi?", "Difendiamo i posti di lavoro", "no al caro-vita", hanno invaso il quartiere delle istituzioni europee. Gli incidenti al momento sono limitati soprattutto a lanci di uova contro le sedi delle banche e di numerosi petardi. Intanto, le strade del quartiere europeo, e in particolare rue de la Loi, si è trasformata in un mare di cappellini e camice rosse. I lavoratori hanno bloccato anche le strade circostanti al Consiglio dei ministri dell'Ue e alla Commissione europea, utilizzando vecchi bus scolastici con su scritto "Insieme siamo forti". Lungo il percorso del corteo, i sindacati hanno posto cartelli elettronici che riprendono in continuo le richieste dei lavoratori accompagnate da un sottofondo di tamburi che contribuiscono a far crescere il clima di tensione. Di fatto, tutta la città è assediata dai manifestanti che, oltre al quartiere europeo si sono insediati in altri arterie nevralgiche della capitale. Il centro di Bruxelles è ormai da ore paralizzato e sulle autostrade per entrare in città si contavano già 126 km di file.

[tratto da www.ansa.it]

e-max.it: your social media marketing partner

Pagina 22 di 25

You are here: Lotte in corso Europa

News lotte in corso

News dal ventre della balena

News feedback