Logo Chicago86

papa Francesco

Feedback . 12 gennaio 2022

Il riformismo audace di papa Francesco

Nel videomessaggio diffuso in occasione del IV Incontro Mondiale dei Movimenti Popolari, papa Francesco ha affermato che è tempo di agire, che bisogna lottare per "il salario universale e la riduzione della giornata lavorativa."

Appello alla solidarietà con la lotta rider

Feedback . 7 gennaio 2022

Appello alla solidarietà con la lotta rider

Scioperi globali e rifiuto del lavoro

Lotte in corso .  8 dicembre 2021

Scioperi globali e rifiuto del lavoro

Sullo sciopero del 16 dicembre

Dal ventre della balena . 7 dicembre 2021

Sullo sciopero del 16 dicembre

Lotte in corso

Spagna . 17 Novembre 2021

Spagna: 20mila lavoratori metallurgici in sciopero a Cadice

Martedì 16 novembre è iniziato lo sciopero indefinito indetto dai circa 20mila lavoratori e lavoratrici del settore metallurgico dell'area portuale, la cosiddetta "Baia" di Cadice, nel sud della Spagna. Al centro [...]

Stati Uniti d'America . 21 Ottobre 2021

#Striketober: un'ondata di scioperi riscalda l'autunno americano

Sebbene l'attuale numero degli scioperi sia limitato in confronto a quello degli anni '40, quando negli Stati Uniti incrociava le braccia in media un lavoratore su dieci in un anno [...]

Germania . 11 Ottobre 2021

Gorillas licenzia i rider in lotta ma la mobilitazione continua

Il mondo della gig-economy è tutto fuorché pacificato, da Atene a Berlino i precari si mobilitano con scioperi e picchetti contro la schiavitù salariata 2.0. Gorillas, che opera in una [...]

Nazionale . 29 Settembre 2021

Sulla vertenza Gkn e altro ancora

La vertenza Gkn ha tenuto banco per tutta l'estate e ha rappresentato per molti un qualcosa di nuovo nell'asfittico panorama delle lotte operaie in Italia, punteggiato qui e là dai [...]

Grecia . 25 Settembre 2021

Atene: la lotta è continua!

Από τον αγώνα δρόμου στον δρόμο του αγώνα. Δεν θα αλλάξουμε επάγγελμα, θα αλλάξουμε το επάγγελμα Dalla competizione in strada alla strada per la lotta Non cambieremo lavoro, cambieremo IL [...]

Grecia . 22 Settembre 2021

Dalle strade di Atene...

Il 15 settembre scorso Efood, una delle principali compagnie di food delivery in Grecia, ha mandato un messaggio ricattatorio ai lavoratori e le lavoratrici in cui veniva imposto il passaggio [...]

Nazionale . 19 Luglio 2021

Sullo sblocco dei licenziamenti e la necessità di generalizzare la lotta

Per la difesa della nostra vita, non del posto di lavoro né, tantomeno, del tessuto industriale "Così i sindacati hanno piegato Confindustria", titolava il manifesto del 30 giugno 2021 sfidando il [...]

Cina . 10 Giugno 2021

#TangPing: basta lavoro!

Un recente rapporto congiunto dell'OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) e dell'ILO (International Labour Organization) lancia l'allarme sull'aumento dei decessi causati dal superlavoro: "Nel 2016 il lavoro di 55 o più [...]

Colombia . 06 Maggio 2021

#Colombia in rivolta

Un'imponente ondata di lotte sta scuotendo il Sudamerica alle prese con la crisi sanitaria e l'aumento della miseria Da una settimana la Colombia è sull'orlo del caos a causa di una [...]

Regno Unito . 08 Aprile 2021

Sciopero dei rider inglesi contro Deliveroo

Ieri in Inghilterra centinaia di corrieri sono scesi in sciopero e hanno manifestato contro l'azienda di food delivery con sede a Londra. La mobilitazione è avvenuta in una giornata particolare, e [...]

Archivio storico

arizona desert

OOOPS!

La pagina cercata non esiste, o è stata rimossa o spostata.

Clicca sulla lente in alto a destra nella barra del menu per cercare nel sito.

Torna in Home Page

Dal ventre della balena

L'unione con gli operai che lottano è un nostro interesse

Sabato 18 settembre è stata convocata una manifestazione dai lavoratori della fabbrica GKN di Firenze. Stanno lottando per bloccare la chiusura della fabbrica. I padroni, prima hanno preso a piene mani soldi pubblici, ora in nome della libertà del capitale e del mercato, senza esitazione, hanno deciso di lasciare senza lavoro 500 persone. A questi rapaci i profitti non bastano mai e sono alla ricerca di operai [...]

14 Settembre 2021

Sono omicidi sul lavoro. E in Italia ne avviene più di uno al giorno

Venerdì, partecipiamo allo sciopero. Con rabbia e consapevolezza. Alle h 10 di fronte alla Gkn, poi in Piazza alla Carceri a Prato e dalle 12.30 ci spostiamo il Collettivo di fabbrica si sposta di fronte alla Texprint. La vicenda di Luana, operaia morta sul lavoro a 22 anni a Montemurlo ha lasciato un profondo senso di rabbia e indignazione. Tanto più che è accaduto a due passi da noi [...]

06 Maggio 2021

Arte

Riderz on the Storm

Singoli musicali prodotti totalmente in autonomia dai rider di Torino.

Occupy Print

I manifesti di #Occupy su Occupy Print.

1847: la nascita della Lega dei Comunisti

Estratto dal film Il giovane Karl Marx.
Una strana follia possiede le classi operaie delle nazioni in cui regna la civiltà capitalistica. Questa follia porta con sé miserie individuali e sociali che da due secoli torturano l'infelice umanità. Questa follia è l'amore per il lavoro, la passione esiziale del lavoro, spinta fino all’esaurimento delle forze vitali dell'individuo e della sua progenie. Anziché reagire contro questa aberrazione mentale, i preti, gli economisti ed i moralisti hanno proclamato il lavoro sacrosanto.
Paul Lafargue, Il diritto all'ozio, 1887
Mondo chiuso, ai margini della società, spossessato della sua identità, l'ambiente operaio non ha altra risorsa, per ritrovare la speranza e la vita, se non le sue sofferenze e le sue lotte. E' questa lenta evoluzione che dobbiamo infine descrivere. I nuovi "barbari" alle porte della città passano dalla ribellione all'organizzazione, rifiutando una società che li esclude. Questo ambiente eterogeneo, in via di proletarizzazione, inserito come un corpo estraneo nella vecchia o nella nuova rete urbana, viene molto presto considerato dai possidenti, come un focolaio di criminalità. La classe lavoratrice diviene classe pericolosa.
J.P. Rioux, La rivoluzione industriale, 1971
Gli operai nella fabbrica non vanno per fare le inchieste, ma perché ci sono costretti. Il lavoro non è un modo di vivere, ma l'obbligo di vendersi per vivere. Ed è lottando contro il lavoro, contro questa vendita forzata di se stessi che si scontrano contro le regole della società. Ed è lottando per lavorare meno, per non venire più avvelenati dal lavoro che lottano anche contro la nocività. Perché nocivo è alzarsi tutte le mattine per andare a lavorare, nocivo è seguire i ritmi, i modi della produzione, nocivo è fare i turni, nocivo è andarsene a casa con un salario che ti costringe il giorno dopo a tornare in fabbrica.
Assemblea autonoma di P. Marghera, 1974
next
prev