Logo Chicago86
Occuprint

Feedback

Questo sito nasce con l'intento di contribuire alla nascita di un Coordinamento dei Lavoratori in Lotta e perciò la discussione ed i contatti tra lavoratori sono fondamentali. Questa sezione è quindi la più interattiva. Tutti possono contribuirvi, evitando però i piagnistei sui diritti cancellati, la rassegnazione e lo spirito di sacrificio imperante. Questo è un sito di lotta e di coordinamento e questi sono i presupposti da cui vogliamo partire.
Foto: Poster, occuprint.org 1 maggio 2011

La legge marxiana della miseria crescente viene in piena luce con l'ultimo rapporto di Oxfam sullo stato sociale del pianeta. Più accumulazione, minor numero di capitalisti. Più accumulazione, maggior numero di operai, ancora maggior numero di proletari semioccupati e disoccupati e di sovrappopolazione senza risorse. Più accumulazione, più ricchezza borghese, più miseria proletaria. Oxfam propone ai governi di porre un tetto ai superstipendi dei top manager e un sistema di tassazione più progressivo, per noi invece è arrivato il momento che il capitalismo (un modo di produzione ultra-dissipativo) si levi dai piedi. We are the 99 percent!

Oxfam: il 99% della popolazione più povera del restante 1%

L'1% più ricco della popolazione mondiale detiene più ricchezza del restante 99%. è una delle conferme che emergono dai risultati del rapporto Oxfam "Ricompensare il lavoro, non la ricchezza", riferiti al primo semestre del 2017 e diramato alla vigilia dell'Annual Meeting del World Economic Forum di Davos e che fotografa, anche quest'anno, un mondo in cui le disuguaglianze socio-economiche non diminuiscono, ma piuttosto aumentano. I dati sono chiari: l'82% dell'incremento della ricchezza globale, che è stata registrata nel 2017, è stata appannaggio esclusivo dell'1% più ricco mentre il 50% più povero della popolazione mondiale non ha beneficiato in alcun modo di questo incremento. Dal rapporto emerge inoltre che i 2/3 della ricchezza dei più facoltosi miliardari del mondo non è frutto del loro lavoro ma o è ereditato oppure frutto di sfruttamento e rendita monopolistica, ovvero il risultato di rapporti clientelari. Nel 2016 erano 40 milioni le persone schiavizzate nel mercato del lavoro, tra cui 4 milioni di bambini.

7 persone su 10 vivono in un paese in cui la disuguaglianza è aumentata negli ultimi 30 anni. Sempre secondo il rapporto di Oxfam tra il 1980 e il 2016 circa il 27% dell'incremento del reddito globale se l'è accaparrato l'1% più ricco della popolazione mondiale. Il 50% piu' povero ha beneficiato di una porzione del 12%, inferiore alla metà di quanto è fluito verso il vertice della piramide globale dei redditi. In termini assoluti, nei 24 anni intercorsi tra il 1988 e il 2013 il 10% dei percettori più poveri di reddito ha visto le proprie entrate aumentare in media di 217 dollari contro i ben 4.887 dollari del 10% più ricco.

Misha Maslennikov, police advisor di Oxfam Italia sui temi della giustizia fiscale Ascolta

[tratto da www.radiondadurto.org]

"Se lo vogliamo, si ferma tutto!"

Abbiamo tradotto dal tedesco un'intervista ad una lavoratrice polacca della rete Amazon Workers international, utile anche per comprendere le cause della sconfitta sindacale in Alabama e a lanciare una prospettiva di lotta globale per il futuro. Bessemer serva da lezione per tutti: la delega non basta, solo l'organizzazione dal basso dei lavoratori può fare la differenza. Ch86   Sa come mettere sotto pressione una multinazionale: la lavoratrice polacca di Amazon Agnieszka Mróz ci racconta degli sporchi trucchi della società di vendita per corrispondenza, delle debolezze dei sindacati tradizionali e dei vantaggi di...

15 Aprile 2021

Fidarsi è bello ma lottare è meglio

L'aria di festa che anela dai comunicati dei sindacati confederali e delle "Unions" si confonde con il tanfo dei tecnicismi, delle esclusioni, delle incomprensibili cifre al lordo e dei rischi giuridici che trapelano dalle righe dell'accordo che, a detta di qualcuno, porterà i e le rider fuori dalla schiavitù (come se bastasse un contratto a salvarci!). Per dirla più semplicemente, di questo accordo molte cose non sono chiare e di certo a chiarirle non basterà il materiale informativo che verrà distribuito dalle segreterie dei sindacati confederali nei prossimi giorni ma a...

30 Marzo 2021

A un anno dall'inizio pandemia

Con 116.175.477 contagi e 2.582.160 morti, siamo ancora alle prese con titubanze, falsificazioni, inefficienze, complottismi, che tengono aperta la strada al virus. Il quale, per sua natura, si adatta darwinianamente al contesto in cui si sviluppa, muta e si sposta utilizzando i mezzi che l'uomo gli mette a disposizione. L'ideologia della classe dominante è responsabile dell'accettazione acritica di quello che viene fatto passare per un dato di fatto, come se fosse normale che un'influenza contagi e uccida a tali livelli. In realtà si sapeva in via teorica, e lo si...

09 Marzo 2021