Logo Chicago86

Precari in lotta nelle fabbriche di elettronica in Cina e in India

Lotte in corso .  23 dicembre 2020

Precari in lotta nelle fabbriche di elettronica in Cina e in India

Il 19 dicembre scorso migliaia di lavoratori a termine hanno organizzato una protesta di massa davanti alla fabbrica Pegatron, a Shanghai [...]

Sciopero generale e lotte dei contadini in Indiao

Lotte in corso . 5 dicembre 2020

Sciopero generale e lotte dei contadini in India

Le nuove lotte dei riders cinesi contro le piattaforme

Lotte in corso . 1 dicembre 2020

Le nuove lotte dei riders cinesi contro le piattaforme

Proteste in Guatemala

Lotte in corso . 23 novembre 2020

Guatemala. Parlamento in fiamme

Lotte in corso

Lombardia . 13 Novembre 2020

Sulla mobilitazione dei rider a Milano

Come Rider in lotta Milano abbiamo partecipato alle recenti mobilitazioni dei lavoratori del food-delivery. Scriviamo qui alcune considerazioni sui fatti, i motivi, la composizione sociale e le pratiche di questi [...]

Lombardia . 05 Novembre 2020

Scioperi dei rider a Milano

A Milano dall'altro ieri i/le riders hanno iniziato a scioperare contro il nuovo contratto firmato da Assodelivery e UGL, dando vita a cortei spontanei che hanno attraverso tutta la città. Ieri [...]

Nazionale . 31 Ottobre 2020

La lotta rider non si ferma

In un contesto di crescente mobilitazione sociale, ieri in varie città d'Italia (Torino, Bologna, Milano, Roma, Napoli, ecc.) ci sono stati scioperi, iniziative e cortei dei rider contro l'accordo capestro [...]

Internazionale . 10 Ottobre 2020

Quarto sciopero internazionale dei rider

In questa situazione di estrema precarietà, è sempre più chiaro che solo la lotta autorganizzata dei lavoratori a livello internazionale può fare la differenza, nel settore delle consegne a domicilio [...]

Indonesia . 09 Ottobre 2020

Indonesia. Scioperi e scontri contro la riforma del lavoro

La polizia della capitale aveva avvertito che non ci sarebbe stato alcun permesso di manifestazione perché l'emergenza Covid, che in Indonesia registra oltre 300mila casi e oltre 11mila vittime la [...]

Nazionale . 19 Settembre 2020

Nuovo contratto nazionale rider

Il primo accordo nazionale sul food delivery in Europa è stato firmato ieri dall'Associazione di categoria delle aziende (Assodelivery) e il sindacato UGL. In realtà non si tratta di un [...]

Brasile . 02 Luglio 2020

BrequeDosAPPs. Sciopero dei riders in Brasile

Questo primo luglio in tutto il Brasile è stato realizzato un grande sciopero contro le imprese di delivery. L'iniziativa, nata a San Paolo ma cresciuta in tutte le grandi città [...]

Germania . 30 Giugno 2020

Germania: lavoratori di Amazon in sciopero per la salute

In Germania i lavoratori di Amazon sono entrati in sciopero con una motivazione molto chiara: la salute viene prima del profitto. Ieri in Germania i magazzinieri di Amazon hanno incrociato le [...]

Tunisia . 23 Giugno 2020

La Tunisia schiera l'esercito contro i disoccupati traditi

Proteste. Tatatouine, tra le regioni più povere del paese, si infiamma a tre anni dalla promessa non mantenuta di posti di lavoro. Duri scontri tra manifestanti e polizia, lunedì sciopero [...]

Stati Uniti d'America . 06 Giugno 2020

Dalle lotte degli sfruttati americani alla rivolta contro il sistema

Le condizioni di vita e di lavoro dei salariati americani sono in continuo peggioramento, anche a causa della pandemia. A ciò si assomma la violenza di un sistema che risponde [...]

Archivio storico

arizona desert

OOOPS!

Pagina non trovata.
La pagina cercata non esiste o è stata rimossa.

Torna in Home Page

Dal ventre della balena

Lavoro: agitazioni operaie tra metalmeccanica, agroalimentare e Fincantieri

Il presidente di Confindustria Carlo Bonomi, torna a strigliare il governo e a chiedere di allargare i cordoni della borsa, ovviamente a favore dei padroni stessi: 'Il dialogo tra le istituzioni non è invitarci su una passerella rossa agli Stati generali o a bere un caffè al ministero. O il confronto è vero sui fatti e ci ascoltano, o non funziona niente', ha detto il leader degli [...]

08 Ottobre 2020

Volontà e determinazione per tornare a decidere come operai!

Compagni lavoratori, i provvedimenti "disciplinari" presi dalla CGIL nei confronti dei 4 storici delegati FIOM ci riguardano tutti, perchè contraddicono le lotte che in questi anni abbiamo condotto in difesa dei nostri diritti, delle condizioni di lavoro e della nostra dignità e incidono pesantemente sulle propspettive sindacali qui in Piaggio. Come iscritti FIOM, negli ultimi due anni, insieme a un centinaio di lavoratori che per protesta hanno già sospesa [...]

20 Settembre 2020

Arte

Riderz on the Storm

Singoli musicali prodotti totalmente in autonomia dai rider di Torino.

Occupy Print

I manifesti di #Occupy su Occupy Print.

1847: la nascita della Lega dei Comunisti

Estratto dal film Il giovane Karl Marx.
Una strana follia possiede le classi operaie delle nazioni in cui regna la civiltà capitalistica. Questa follia porta con sé miserie individuali e sociali che da due secoli torturano l'infelice umanità. Questa follia è l'amore per il lavoro, la passione esiziale del lavoro, spinta fino all’esaurimento delle forze vitali dell'individuo e della sua progenie. Anziché reagire contro questa aberrazione mentale, i preti, gli economisti ed i moralisti hanno proclamato il lavoro sacrosanto.
Paul Lafargue, Il diritto all'ozio, 1887
Mondo chiuso, ai margini della società, spossessato della sua identità, l'ambiente operaio non ha altra risorsa, per ritrovare la speranza e la vita, se non le sue sofferenze e le sue lotte. E' questa lenta evoluzione che dobbiamo infine descrivere. I nuovi "barbari" alle porte della città passano dalla ribellione all'organizzazione, rifiutando una società che li esclude. Questo ambiente eterogeneo, in via di proletarizzazione, inserito come un corpo estraneo nella vecchia o nella nuova rete urbana, viene molto presto considerato dai possidenti, come un focolaio di criminalità. La classe lavoratrice diviene classe pericolosa.
J.P. Rioux, La rivoluzione industriale, 1971
Gli operai nella fabbrica non vanno per fare le inchieste, ma perché ci sono costretti. Il lavoro non è un modo di vivere, ma l'obbligo di vendersi per vivere. Ed è lottando contro il lavoro, contro questa vendita forzata di se stessi che si scontrano contro le regole della società. Ed è lottando per lavorare meno, per non venire più avvelenati dal lavoro che lottano anche contro la nocività. Perché nocivo è alzarsi tutte le mattine per andare a lavorare, nocivo è seguire i ritmi, i modi della produzione, nocivo è fare i turni, nocivo è andarsene a casa con un salario che ti costringe il giorno dopo a tornare in fabbrica.
Assemblea autonoma di P. Marghera, 1974
next
prev