Logo Chicago86

lodi24 novembre 2010

MARTEDÌ 30 NOVEMBRE 2010 ALLE ORE 14,30 PRESSO IL TRIBUNALE DI LODI SI SVOLGERÀ IL PROCESSO PER LO SCIOPERO INIZIATO IL 30 DICEMBRE 2009 ALLA FIEGE BORRUSO DI BREMBIO, IN CUI FULVIO DI G. E G. E. FURONO ARRESTATI E RILASCIATI IL GIORNO SEGUENTE. L'ACCUSA È DI RESISTENZA E LESIONI A PUBBLICO UFFICIALE.

Il 30 dicembre 2009 gli operai della Fiege Borruso di Brembio (LO), uno dei tanti insediamenti di logistica nel nostro territorio, in sciopero contro i licenziamenti, stavano manifestando, seduti pacificamente davanti ai cancelli della fabbrica, quando alcune decine fra agenti di polizia e carabinieri, li hanno caricati con violenza, malmenati, spedendone cinque all’ospedale, arrestando un operaio e il soscritto rappresentante sindacale del sindacato a cui i lavoratori fanno riferimento. Alla stampa lor signori hanno raccontato bugie, asserendo di essere intervenuti per sedare una lite fra lavoratori, che nessuno degli osservatori imparziali ha potuto vedere, e di aver avuto due contusi fra le “forze dell’ordine”, che nessuno ha visto, anche perché tutti i testimoni hanno potuto osservare che gli unici a picchiare sono stati i poliziotti e i carabinieri. Le bugie hanno le gambe corte, soprattutto quando solo tardivamente ci si accorge di essere stati filmati da una videocamera (e dal filmato della videocamera, che inutilmente gli agenti hanno cercato di sequestrare, si può vedere proprio un ufficiale di P.G. Angelo Di Legge, minacciare di togliere ai lavoratori in sciopero il permesso di soggiorno, e guarda caso questa persona ha dichiarato successivamente le lesioni).

Dopo 82 ore di sciopero e picchetto ai cancelli, 35 lavoratori migranti che lavorano alla Fiege Borruso di Brembio, con la solidarietà di molti lavoratori accorsi in solidarietà alla lotta, conquistano la vittoria sul campo e su tutti gli obiettivi che rivendicano. Il Cobas che ha diretto questa lotta ha ottenuto di mantenere tutti e 68 i lavoratori all’interno del sito di Brembio alle stesse condizioni normative e salariali che avevano con la cooperativa che gestiva la logistica alla Fiege Borruso.

[tratto da www.sicobas.org]


Altre notizie dalla sezione