Logo Chicago86

liberate_oaklandOakland General Assembly calls for a General Strike and Mass Day of Action in Oakland, CA:
"We as fellow occupiers of Oscar Grant Plaza propose that on Wednesday November 2, 2011, we liberate Oakland and shut down the 1%.
We propose a city wide general strike and we propose we invite all students to walk out of school. Instead of workers going to work and students going to school, the people will converge on downtown Oakland to shut down the city.
All banks and corporations should close down for the day or we will march on them.
While we are calling for a general strike, we are also calling for much more. People who organize out of their neighborhoods, schools, community organizations, affinity groups, workplaces and families are encouraged to self organize in a way that allows them to participate in shutting down the city in whatever manner they are comfortable with and capable of.
The whole world is watching Oakland. Let’s show them what is possible."

occupy Wall streetIntervista a Steve Downs (Transit Workers Union di New York)
di Anna Curcio e Gigi Roggero

Alla vigilia di natale del 2005 i lavoratori dei trasporti di New York entrarono in sciopero per il rinnovo del contratto e la città rimase completamente bloccata per tre giorni. Nello stato di New York lo sciopero nel settore pubblico è proibito dalla legge Taylor del 1967, per cui assume immediatamente una forma selvaggia e illegale. Sindaco e media invocarono arresti e repressione esemplari, il leader del Transit Workers Union (TWU) passò alcuni giorni in galera, il sindacato venne sanzionato con pesanti ammende pecuniarie. Il risultato dello sciopero fu eccezionale: la metropoli non rimase solo paralizzata, ma fu riempita da tre giorni di straordinaria autorganizzazione dei trasporti, delle forme di comunicazione e di vita. I precari dell’università in sciopero contro la New York University parteciparono ai picchetti, così come i transit workers avevano preso parte alle iniziative dei graduate students.

wllstrI manifestanti protestano da due settimane contro le logiche dell'alta finanza e le politiche adottate dall'amministrazione Obama per fronteggiare la crisi. L'intervento della polizia quando hanno bloccato il traffico sul ponte di Brooklyn.
Circa 700 persone aderenti alla campagna contro Wall Street sono stati arrestati a New York. Le forze dell'ordine sono intervenute quando i dimostranti hanno bloccato il traffico sul ponte di Brooklyn e hanno cercato di dar vita a un corteo non autorizzato. "Vergogna, vergogna" hanno urlato i manifestanti all'indirizzo degli agenti. Testimoni hanno raccontato di averne visti moltissimi ammanettati, seduti a terra mentre tre pullman arrivavano per portarli via. Un portavoce della polizia ha dichiarato che erano stati ripetutamente avvertiti che se avessero invaso le corsie destinate ai veicoli sarebbero stati arrestati.

La protesta del movimento Occupy Wall Street (Occupare Wall Street) va avanti da due settimane e si sta estendendo ad altre città, a cominciare da Washington e Boston. Nella capitale del Massachusetts oggi sono state fermate 24 persone che partecipavano a un sit-in non autorizzato davanti alla sede di Bank of America, che di recente ha annunciato un piano di tagli per 30.000 impiegati con risparmi stimati in cinque miliardi di dollari fino al 2014.

manifestante egiziano con cartello: l'Egitto è solidale con i lavoratori del Wisconsin. Un mondo, una sofferenza22 Febbraio 2011

Che strano cartello, al Cairo in festa. Recita: L'Egitto sostiene i lavoratori del Wisconsin.

Cosa diamine c'entra l'Egitto col Wisconsin? Un accostamento quantomeno improbabile. Eppure, complice forse l'ampia copertura mediatica delle rivolte egiziane con sperticate lodi ai combattenti per la libertà e la democrazia, in Wisconsin sta succedendo l'impensabile: non solo sono scesi in piazza i lavoratori, ma ogni giorno a loro si aggiungono decine di migliaia di persone che arrivano da tutto lo Stato.

usa_wisconsin18 Febbraio 2011

Migliaia di dimostranti contro i tagli al pubblico impiego. Occupata la sede del parlamento statale a Madison. Allertata guardia nazionale

Da alcuni giorni sono in corso proteste nella città di Madison, capitale dello stato del Wisconsin, a causa di un ordinanza che colpirebbe alcuni diritti dei lavoratori del settore pubblico. Il governatore Scott Walker ha presentato nei giorni scorsi un provvedimento di legge che prevede l'aumento delle ritenute fiscali per il fondo pensione e sanitario dei lavoratori pubblici.